Fascicolo Procura Ancona esalazioni Api

La Procura di Ancona ha aperto un fascicolo sulle esalazioni maleodoranti avvertite da giorni dalla popolazione di Falconara Marittima e in alcuni quartieri di Ancona dopo un problema durante la manutenzione del serbatoio 61 alla raffineria Api. In una lettera di scuse ai cittadini, l'Api ha spiegato che c'era stato "un trafilamento" di petrolio grezzo dal tetto galleggiante del serbatoio che ha provocato l'emissione degli odori poi spinti dal vento in città. Il pm Marco Pucilli ha disposto accertamenti sui valori di concentrazione del benzene nell'aria registrati dalle centraline e su ciò che è accaduto durante la manutenzione del serbatoio, per verificare se l'azienda poteva fare qualcosa per evitare le esalazioni. Oggi si sono svolti due tavoli tecnici in Comune e in Regione con la Protezione civile e l'Arpam: al momento i rilievi effettuati dall'agenzia ambientale hanno registrato picchi di valori superiori alle medie ma le concentrazioni giornaliere non hanno mai superato l'esposizione acuta.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Monte San Vito

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...